auto danneggiata in sosta o in parcheggio cosa fare

Auto danneggiata in sosta o in parcheggio: cosa fare?

condividi questo articolo su:

In materia di risarcimento danni, il caso dell’auto danneggiata in sosta o in parcheggio è tanto frequente quanto spiacevole e frustrante. Accade a molti di lasciare l’auto nel parcheggio di un centro commerciale o di un supermercato e di ritrovarla con un danno da urto. Questo tipo di danno è identificato dalle Assicurazioni con il termine “danno da parcheggio“. Ma cosa intendono le Compagnie Assicurative per danno da parcheggio? Intendono il danno, provocato da ignoti, al veicolo parcheggiato della persona assicurata. Spesso chi subisce questo danno ritiene che possa essere risarcito dal Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada, ma non è così. Comprendere i passi da seguire nel caso dell’auto danneggiata in sosta o in parcheggio è perciò fondamentale. Solo così si potrà ottenere un adeguato risarcimento del danno.

Cosa fare se si trova l’auto danneggiata?

Nella maggior parte dei casi le Compagnie Assicurative non risarciscono il danno da parcheggio. A meno che nella polizza RCA del danneggiato non vi sia anche la tutela contro i danni da parcheggio. In questo caso la garanzia Kasko totale copre i danni all’auto danneggiata in sosta o in parcheggio. Bisognerà denunciare il sinistro alla propria Assicurazione che manderà un perito a valutare l’entità del danno.

La polizza Kasko è opzionale e complementare all’assicurazione RC Auto standard. L’assicurazione Kasko offre una copertura estesa in quanto indennizza i danni al veicolo indipendentemente dalla responsabilità nel sinistro, a differenza dell’assicurazione RC Auto che, in caso di incidente colposo, copre solo i danni dell’altro veicolo. È opportuno ricordare che la polizza Kasko si limita a coprire esclusivamente i danni al veicolo e non comprende eventuali lesioni o ferite riportate dal conducente.

Diverso il caso in cui il danneggiamento da parte di ignoti si verifichi in un parcheggio a pagamento e custodito. In questo caso la responsabilità ricade sulla società proprietaria del parcheggio. La società sarà quindi obbligata a rimborsare il proprietario dell’auto per i danni avvenuti durante la custodia.

In ogni caso, è bene seguire il seguente protocollo per ottenere un congruo risarcimento danni nel caso di auto danneggiata in sosta o in parcheggio:

  1. Identificare il responsabile e i testimoni. La prima cosa da fare è stabilire, se possibile, chi sia il responsabile dei danni all’auto. Se l’incidente è causato da un altro veicolo, è importante ottenere tutte le informazioni possibili, come il numero di targa e i dettagli del conducente. Se vi sono testimoni dell’evento, assicuratevi di avere i loro contatti per eventuali testimonianze.
  2. Documentare i danni subiti dal proprio veicolo. Raccogliere prove è cruciale: fotografare i danni subiti dall’auto e, se possibile, registrare i dettagli del sinistro è fondamentale per sostenere la richiesta di risarcimento. Questo materiale può essere presentato alle Autorità competenti o alle Compagnie Assicurative per dimostrare l’estensione dei danni.
  3. Coinvolgere la Compagnia Assicurativa. Informare tempestivamente la propria Assicurazione è un passo importante. Se l’incidente è causato da un’altra auto, si può richiedere il risarcimento direttamente alla Compagnia Assicurativa del conducente responsabile. Nel caso di danni provocati da eventi naturali o atti vandalici, è importante verificare se la polizza copra tale sinistro e l’eventuale franchigia.
  4. Segnalare il fatto alle Autorità. Nel caso di incidenti provocati da terzi, è consigliabile presentare una denuncia alle Autorità competenti. Questo passaggio può essere fondamentale nel fornire una documentazione ufficiale dell’accaduto e può essere richiesto dalla Compagnia Assicurativa durante il processo di risarcimento.
  5. Ottenere un preventivo per le riparazioni. Prima di procedere con le riparazioni, ottenere un preventivo dettagliato e approvato dalla Compagnia Assicurativa è essenziale. Questo evita problemi successivi riguardo alla copertura dei costi e assicura che i danni siano riparati in modo adeguato.
  6. Richiedere il risarcimento. Una volta raccolte tutte le prove e ottenuto il preventivo, è possibile inviare una richiesta di risarcimento all’Assicurazione coinvolta o al responsabile dell’incidente. È fondamentale includere tutti i documenti fotografici, le testimonianze e i preventivi per supportare la richiesta.

Auto danneggiata in sosta o in parcheggio: meglio prevenire

Il risarcimento danni per un’auto danneggiata in sosta o in parcheggio può essere difficile da ottenere. Tuttavia, seguendo il protocollo suggerito e raccogliendo le prove necessarie è possibile aumentare le probabilità di ottenere un adeguato risarcimento per i danni subiti. Ricordate sempre di essere diligenti nella raccolta di prove e nel seguire i protocolli delle Compagnie Assicurative. Questo al fine di massimizzare le possibilità di successo nella richiesta di risarcimento danni.

La prevenzione resta sempre la miglior tutela. Parcheggiare in luoghi sicuri e utilizzare dispositivi di sicurezza per l’auto come una dash cam auto aiuta a ridurre il rischio di danni da parcheggio. Inoltre, la scelta della giusta polizza assicurativa semplifica il processo di risarcimento in caso di auto danneggiata in sosta o in parcheggio.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

Articolo precedente
Bici sulle strisce: cosa succede in caso di incidente stradale?
Articolo successivo
Risarcimento diretto: come funziona e quando si applica?
TAG :

3 Commenti. Nuovo commento

  • Luisa Natale
    2 Giugno 2024 0:16

    Una sosta di mezz’ora e mi ritrovo la macchina scippata. Di fronte vi è un esercizio con telecamera, posso chiedere la visione del nastro?

    Rispondi
    • Baraldi Risarcimento Danni
      2 Giugno 2024 18:47

      Gentile Luisa, avrebbe dovuto chiamare subito la Polizia o i Carabinieri. Difficile che ora l’esercente possa consegnarle la ripresa video. Lo Staff di Baraldi Risarcimento Danni

      Rispondi
  • Una persona ha danneggiato con una sportellata l’auto dove mia moglie era in macchina ferma ad un parcheggio. Per avere accesso alle videocamere abbiamo fatto denuncia per danneggiamento a scopo assicurativo. Questa persona si è rifiutata di farsi periziare l’auto ed ha denunciato mia moglie per calunnia. Abbiamo le foto della targa dell’auto della signora. Come pensate che andrà?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Richiedi una Consulenza

altri articoli…

Menu